10 pregiudizi sullo psicologo – Parte V

Pubblicato il : 21 novembre 2016

Le idee errate e i falsi miti sulla figura dello psicologo

Serve parlare con uno psicologo? Psicologo o amico?

Continuiamo la carrellata di idee e pregiudizi che circondano la figura dello psicologo.

9. Perché rivolgersi ad uno psicologo quando posso parlare con un amico

La relazione con un amico è completamente differente da quella che potresti avere con uno psicologo.

E non è solo una questione di darsi del “lei” invece del “tu”, vediamo le principali differenze:

a. lo psicologo non è coinvolto in dinamiche affettive stabili e durature con la persona. Ciò ti permette una maggiore libertà di potergli parlare di tutto. Hai di fronte una persona disinteressata e obiettiva e non devi pensare alle conseguenze o a come ciò che dici potrebbe modificare o complicare il vostro rapporto.

b. lo psicologo è concentrato sulla persona e la persona è concentrata su di sé, nel tempo e nello spazio circoscritto e delimitato di una seduta. Ciò crea uno spazio utile all’esplorazione e al cambiamento, protetto e separato da distrazioni o divagamenti.

c. un amico potrebbe essere coinvolto emotivamente o non saper gestire l’empatia e confondersi con quanto da te raccontato, perdendo la necessaria obiettività. Uno psicologo usa la sua empatia per entrare in contatto con la persona, ma ha la preparazione adeguata per accorgersi e gestire un’eventuale perdita di obiettività.

d. lo psicologo possiede competenze e strumenti utili ad affrontare difficoltà e problematiche strutturate, cose di cui difficilmente un amico dispone.

10. ah… sei psicologo!

Di solito all’iniziale stupore seguono una delle due frasi:

a. allora devo stare attento a ciò che dico sennò mi analizzi (anche nella variante allora mi hai già analizzato). Ci dispiace deludervi, ma vi annunciamo che lo psicologo non è dotato di poteri paranormali e fantascientifici come la lettura della mente, dunque non siamo in grado di capire le persone al primo sguardo. Anzi dubitiamo di chi dice di saperlo fare perché in realtà si sta solo fermando alle prime impressioni, spesso fonte dei pregiudizi successivi.

b. stanotte ho sognato che… cosa significa? Ricordiamo che i sogni hanno significati prestabiliti solo nella smorfia napoletana, ma oltre al gioco, acquistano un significato solo all’interno della vita della singola persona.

Speriamo che questo articolo e i precedenti ti siano stati d’aiuto, se vuoi approfondire qualche altro aspetto della figura della psicologo, usa il form sottostante e proveremo a sviluppare l’argomento di tuo interesse.

Scrivici o commenta l’articolo

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Commenti (2)


  1. Liuba / 28 lug 2017

    bellissimo articolo!
    purtroppo siamo in una società dove ci sono ancora molti pregiudizi sul mestiere dello psicologo.
    Io personalmente ho vissuto l’ostacolo del chiedere aiuto allo psicologo. Anche io avevo questi pensieri in testa nonostante fossi già stata in passato dallo psicologo costretta dai miei genitori. Circa 6 mesi fa ho avuto un momento buio, il mio rendimento scolastico é diminuito, ho incominciato a non dormire, l’ansia é tornata a farmi visita. dopo ben 4 mesi ho trovato il coraggio di andare dallo psicologo nonostante tutti i miei coetanei mi scoraggiassero dicendomi appunto che non serve annulla andarci, che é da deboli insomma le frasi che avete citato nell’articolo…. io stavo troppo male e quindi me ne sono fregata di tutti e sono andata per la mia strada.
    Ora é circa due mesi che sono seguita da una psicologa è una psichiatra e mi sento meglio anche se il percorso sarà lungo.
    la sventa di andare in terapia é una delle scelte migliori che abbia fatto nella mia vita… adesso so che una volta a settimana ho uno spazio tutto mio dove potermi sfogare e avere il sostegno di una persona competente.
    molti miei coetanei ( ho 16 anni) sono scettici riguardo la professione dello psicologo. Una mia amica vede inutile pagare una persona per sentirti parlare e che un’amica lo fa gratis. Io ho cercato di farli capire che non e la stessa cosa ma poi ci ho rinunciato.
    Io ammiro tanto il lavoro dello psicologo secondo me é un lavoro stupendo, io all’università sto pensando di fare psicologia é diventare Psicolga.
    Spero che ci sia altra gente come me che ha deciso di prendere in mano la propria vita è aver trovato il coraggio di andare dallo psicologo.

    • Studio ERGO / 10 apr 2018

      Grazie per il tuo racconto! In futuro, come già accaduto per altri preconcetti, anche questi pregiudizi sullo psicologo saranno destinati a modificarsi. Il nostro compito con questo sito è anche quello di diffondere una cultura psicologica comprensibile alle persone e di cui la società possa arricchirsi. Buona continuazione

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>